Donna al Lavoro è un web pensato per le donne alla ricerca di un lavoro: in Italia sono parecchie migliaia, giovani che hanno terminato il ciclo di studi, donne che si sono dedicate alla famiglia e vogliono ritornare a lavorare fuori casa, donne in mobilità o disoccupate, espulse dal mercato del lavoro. Le situazioni personali e professionali sono molto diverse, con alcuni punti in comune. Donna al Lavoro vuole essere una risposta ad esigenze differenti e consente diversi percorsi di utilizzo.

Si può iniziare dalla compilazione del curriculum: è uno strumento essenziale, per proporsi sul mercato del lavoro, ma anche per ordinare le proprie esperienze e riconoscere punti di forza o di debolezza. In questa attività molte donne tendono a rimuovere parti del proprio passato, di studio o professionale, perché giudicato poco importante (studi interrotti, lavoro "nero", volontariato, lavoro in famiglia). Ma spesso non è vero: è necessario riconoscere le tappe della propria storia personale, per valorizzare elementi che possono diventare significativi in funzione dell'obiettivo che si vuole raggiungere.

Le sezioni dedicate all'autobiografia, alla valorizzazione, agli esercizi e strumenti consentono di mettere a punto uno o più progetti di ricerca di un lavoro, e di modificare di conseguenza il proprio curriculum.

Ci sono poi le sezioni di analisi del mercato del lavoro: per capire le tendenze in atto, le professioni emergenti, le nuove forme di lavoro. Un progetto di ricerca di un lavoro deve essere verificato nella realtà, per essere pronte a superare le difficoltà, o per dotarsi di strumenti nuovi, richiesti dal mercato del lavoro.

Le storie delle donne invitano a fare confronti, a tentare nuove strade, a realizzare le proprie idee: non è facile, ma molte ci sono riuscite.

Le sezioni di informazioni e di biblioteca completano il quadro, con indirizzi, indicazioni, riferimenti legislativi, studi, ricerche, bibliografie, siti Internet interessanti per la formazione, lo studio, il lavoro.

Molte di queste sezioni sono fortemente interattive: sono state progettate per consentire le attività di analisi, riflessione e scambio, attività normalmente svolte in aula tra formatrici e partecipanti ai corsi di orientamento. Il problema è stato quindi di riuscire a realizzare un web che mantenesse il più possibile l'efficacia dell'interazione tra persone e, nello stesso tempo, non fosse troppo "pesante" per la rete. La soluzione è stata quella di sfruttare al massimo le possibilità di Javascript, controllando localmente la maggior parte degli inserimenti di dati, risposte, testi delle utenti e lasciando solo la parte di memorizzazione e interrogazione legata ai programmi di interfaccia col server. Il database che ne deriva è gestito da un sistema software della ORACLE. Ogni utente utilizza una password: può ritornare a consultare il web nel corso del tempo e ritrovare curriculum, autobiografia, progetti di ricerca di lavoro. Può stampare i testi da lei prodotti, può modificarli, può fare nuovi inserimenti. La programmazione del web non prevede una elaborazione "autonoma" dei dati immessi, ma consente di rivedere dati e testi per indurre riflessioni, ripensamenti, adozione di nuove strategie per ottenere gli obiettivi prefissati.

Il web è stato realizzato dalla nostra società in collaborazione con Le Quattro Ghinee, per le ricerche e l'elaborazione dei testi, e con Sonar per la programmazione informatica. Le tre società, di Milano, hanno creato un team con competenze nell'ambito informatico, della comunicazione, della formazione, dell'orientamento, della ricerca, della scrittura per ipertesti.

L'obiettivo era arrivare a un risultato che fosse innovativo e amichevole sul piano informatico, efficace nella comunicazione, rigoroso nelle metodologie di ricerca e di espressione dei contenuti.

Il collaudo del web è avvenuto presso quattro sportelli territoriali nella Provincia di Milano, gestiti da Donna Lavoro Donna di Milano. Nel corso del collaudo si è verificato come questo strumento possa avere un ruolo per integrare l'attività di orientatori e formatori.

Il progetto è stato finanziato dal Ministero del Lavoro e dall'Unione Europea nell'ambito dell'iniziativa Occupazione NOW.